25 aprile.

Venticinque aprile.
Sia detto senza offesa o polemica alcuna, ma io ho sentimenti e pensieri niente affatto concilianti con quelle parti politiche che non hanno mai (o quasi) riconosciuto i significati, i valori e i colori della Resistenza.
Allo stesso modo, ho sentimenti e pensieri niente affatto concilianti con quelle parti politiche che stringono alleanze o accordi o patti di governo con quelle parti politiche che non hanno mai (o quasi) riconosciuto i significati, i valori e i colori della Resistenza.
Sia detto senza offesa o polemica alcuna. Ma sia detto.

 

bandiera_pace_vuota

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Tagged with:
 

2 Responses to 25 aprile

  1. Giulio ha detto:

    25 Aprile 2013.
    Sia detto senza offesa o polemica alcuna, ma invece io ho pensieri e sentimenti niente affatto concilianti con quelle parti politiche che hanno fatto la loro fortuna economica e politica con i significati (pochi), i valori (tanti e in contanti)e i colori (rosso comunista, la più sporca associazione a delinquere che l’uomo abbia mai inventato) della resistenza.
    Oggi 25 Aprile 2103 , forse, nascerà un governo di italiani politicamente e intellettualmente intelligenti, cosa assai rara nei settant’anni di vita democratica del nostro Paese, che superando tutte le incrostazioni nocive di retaggi demagogici, populisti e di personali tornaconti, che sarà finalmente proiettato a risolvere i veri problemi dei suoi concittadini, senza distinzione di colore e pensiero politico. Potrà essere il primo governo di cittadini liberi da ideologie partigiane, vero cancro della vera democrazia.
    25 Aprile 2013, a Venezia si festeggia S.Marco, patrono della città, e per gli innamorati è la “festa del boccolo”.

    • Gianni ha detto:

      Ciao Giulio, libero di festeggiare la “festa del boccolo” e San Marco, ci mancherebbe altro.
      Libero di pensarla diversamente, anche.
      “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”. Come saprai, è scritto nell’articolo 21 della Costituzione italiana, entrata in vigore dopo otto anni dall’inizio della seconda guerra mondiale e ventidue anni dall’inizio della dittatura nazifascista. Di sicuro la Carta Costituzionale non sarebbe mai nata, senza il 25 aprile.
      Come vedi i significati e i valori di questa data sono enormi. E i colori, a dirla tutta, sono – o dovrebbero essere – quelli dell’arcobaleno della pace.
      Buona giornata libera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Set your Twitter account name in your settings to use the TwitterBar Section.