Capperi e acciughe.

Mi sembra di aver sognato un sogno che più che un sogno mi sembra fosse un sogno al quadrato, un sogno nel sogno o qualcosa del genere, e in questo sogno al quadrato c’eravamo io e i Beatles in sala d’incisione. L’ambiente era sereno, mi sembra ci fossero dei grandi vassoi di frutta sui tavolini, alcuni tappeti persiani stesi sul pavimento e ogni tanto passava un signore anziano che versava del tè dentro enormi tazze colorate, porgendocele come se fossero proprio delle enormi tazze da tè. I Beatles erano simpatici e molto alla mano, in particolare George Harrison, che a un certo punto si è avvicinato e mi ha spiegato gli accordi di Golden Slumbers. Era una progressione complicata, non troppo complicata, complicata al punto giusto. Poi comunque abbiamo iniziato a provare e tutto il resto e sono state sufficienti tre versioni del brano, ma già la seconda era venuta bene, secondo me. Mi sembra di averlo anche detto al produttore, che mi ha guardato e non ha fatto commenti. Una volta terminata la sessione di prove, siamo andati a mangiare una pizza a Calamosca. I Beatles hanno preso una ridotta capperi e acciughe.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Tagged with:
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Set your Twitter account name in your settings to use the TwitterBar Section.