Carteggi (1). 

Ciao, come stai? Volevo scriverti una lettera, e infatti, come vedi, la sto scrivendo. Volevo scriverti una lettera perché mi sembra che dovremmo parlare, io e te. Certo, al momento sono io che parlo con te. Anzi, sono io che ti scrivo, per la precisione. Però se anche tu volessi parlarmi, o scrivermi, vedi un po’ come ti viene meglio, io ne sarei felice. Forse. Non lo so. Perché, ripensandoci, un conto è se ci parliamo, un altro se ci scriviamo. Sono due cose differenti, scriversi e parlarsi. Anche se quando ti scrivo è un po’ come se ti parlassi. E il fatto che ti scriva presuppone che tu mi possa leggere. Altrimenti non avrebbe senso. Come vedi, serve un po’ di buona volontà. Secondo me dovremmo fare qualcosa insieme, io e te. Scriverci o parlarci, una delle due, non è importante quale. Ma dovremmo farlo, prima o poi. Forse. Non lo so. Però, ripensandoci, direi che è meglio se ci parliamo, io e te. Molto meglio. Ecco. Volevo scriverti una lettera, ma mi sa che non te la scrivo più. Ciao.
 

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Tagged with:
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Set your Twitter account name in your settings to use the TwitterBar Section.