Cirri di malumori.

Mentre aspetto l’autobus e guardo le facce della gente e provo a immaginare ciò che passa per loro teste, mi sembra di scorgere tanti di quei malumori e di quei pensieri amari e infestanti che se qualcuno si prendesse la briga di raccoglierli e di tenerli insieme o di legarli con uno spago come si fa con i palloncini colorati, e poi a un certo punto decidesse di farli volare via, questi pensieri e questi malumori, di lasciarli andare gioiosamente liberi, proprio nella più completa libertà, secondo me l’azzurro del cielo pian piano si annerirebbe e il mondo si ritroverebbe avvolto da una sconfinata e mastodontica nuvola di sugunnemmammarua.

pesche

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Tagged with:
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Set your Twitter account name in your settings to use the TwitterBar Section.