Di vino e d’altro ancora.

La prima volta che mi sono ubriacato, gonfio di birra e ardore adolescenziale, mi sono ubriacato per una delusione d’amore. Mi sono ubriacato prima di una delusione d’amore, però, non dopo. Ma è una storia lunga, che ho già raccontato, peraltro. Quella volta che mi sono ubriacato col vino, invece, ero in un ovile vicino a Orgosolo. Un’ora dopo aver bevuto i primi bicchieri, capivo perfettamente l’orgolese stretto; dopo due ore lo parlavo fluentemente; dopo tre ero in grado di insegnarlo; dalla quarta ora in poi mi si è materializzato davanti Max Leopold Wagner e sono stato lì a spiegargli per filo e per segno tutti gli elementi fonetici e fonologici della parlata locale, compresi i singoli significati etimologici. Non so che vino fosse, ma neanche a dirlo era buonissimo. Questa storia potrei raccontarla domani a Olbia, nella piazzetta della Biblioteca, a partire dalle 21, in occasione di “Scrittori da Cantina”, una serata con Flavio Soriga e tanti altri scrittori e musicisti, una serata che secondo me sarà bellissima, e se venite ve ne renderete conto voi stessi.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Set your Twitter account name in your settings to use the TwitterBar Section.