Il prossimo.

Oggi mi sono alzato con l’intenzione di perdonare tutto e tutti, mi sento pervaso da una sublime intensità amorosa e caritatevole, quindi giuro che non mi arrabbio, non ne vale la pena, ma una cosa sia chiara, come diceva un tizio che conoscevo, diceva sempre Ma una cosa sia chiara, e poi ti spiegava le cose ma non era chiaro niente, non si capiva un cazzo, e se glielo facevi notare si impermaliva, ma una cosa sia chiara, pur sentendomi così serafico, io il prossimo che mi rivolge la parola e usa il verbo attenzionare, tutta questa distensione gliela faccio ingoiare a calci.

   

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Tagged with:
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Set your Twitter account name in your settings to use the TwitterBar Section.