Intransigenze.

Il cugino di Arturo, che è un poeta incline a un settarismo intransigente e intollerante, una volta ha detto che la poesia, nel momento stesso in cui diventa poesia, nell’attimo preciso in cui affiora la prima lettera della prima parola del primo verso, proprio in quel frangente lì, già non è più poesia, è un’altra cosa. Arturo, il cugino del poeta, quella volta lì l’ha mandato a cagare. Io e Marcel Proust, il cane di Arturo, ascoltavamo in silenzio. Ci siamo ben guardati dal prendere posizione e abbiamo continuato a far andare il vino in sofferenza.

 

 

  

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Tagged with:
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Set your Twitter account name in your settings to use the TwitterBar Section.