Punte di acredine.

Ieri sono stato punto da una vespa, e a parte che essere punti da una vespa fa male, ho sentito proprio un dolore acuto e poi un prurito che ancora mi viene da grattarmi, e a parte che non c’era bisogno di venire subito alle mani e ai pungiglioni, potevamo chiarire la questione senza tutta questa acredine
– E allora?
– E allora cosa?
– Adesso ti pungo.
– Perché?
– Perché mi stai sul cazzo.
– Allora sei proprio stronza.
– Sì. Problemi?
– Se permetti, sì.
– No, non permetto.
– E quindi?
– E quindi cosa?
– Dopo che mi pungi?
– Dopo che ti pungo, bairìndi.
– Ma così non si fa, eh.
– Chi te l’ha detto?
– Sei prepotente.
– Sì, sono prepotente. Problemi?
e a parte che mi ha colpito alle spalle e io invece, guarda un po’, mi fidavo di lei, a parte tutto questo e qualcos’altro ancora, il fatto di essere stato punto da una vespa, secondo me era una vespa fascista, che conoscevo a malapena e alla quale non avevo intenzione di dare alcuna confidenza, devo ammettere che un po’ mi ha fatto girare i coglioni. 

 

 

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Tagged with:
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Set your Twitter account name in your settings to use the TwitterBar Section.