Sgomitare.

Mi ricordo di quand’ero ragazzino e andavo a tagliarmi i capelli. Il salone del barbiere era uno spazio ridotto, un bugigattolo, e in fondo al locale c’era una panca sulla quale sedevano i clienti in attesa. Giunto il mio turno, mi sistemavo sulla poltrona, poggiavo i gomiti sui braccioli e aspettavo che il barbiere mi avvolgesse con la mantellina di raso. Era bianca e fresca, me la stringeva attorno al collo, un po’ mi faceva male. Poi afferrava il pettine e le forbici, stringeva una ciocca tra le dita e iniziava a tagliuzzare. Io stavo immobile e mi guardavo allo specchio. Lui, invece, girava attorno alla poltrona. Una sforbiciata lì, una sforbiciata qua, con una mano mi spingeva la nuca in avanti, di lato, mi sollevava il mento. E intanto iniziava a strusciarsi, con movimenti lenti e precisi. Il suo pacco mi sfiorava gli avambracci. Oltre il sottile strato della mantellina, sentivo la sporgenza, il peso della sua pancia che a ritmi regolari si gonfiava e si sgonfiava. Era una cosa disgustosa, mi paralizzava. Un giorno ho preso coraggio e gli ho dato una gomitata. Non forte, ma sufficiente a farlo smettere. E comunque da quella volta lì non ci sono più tornato, ho cambiato barbiere.  

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Set your Twitter account name in your settings to use the TwitterBar Section.