Sto leggendo.

Mi sembra di aver letto da qualche parte che uno scienziato ha detto che l’universo può contrarsi fino a un punto e poi espandersi senza che la luce se ne renda conto. Devo ricordarmi di dirlo a Arturo. Adesso è fuori con Marcel Proust, il cane. Secondo me non la prenderà bene, questa cosa che la luce non se ne rende conto. Io, per conto mio, mi è venuta una tristezza cupa che non so se ce la faccio a finire il libro che sto leggendo.
 
 
cropped-resized_foto2.jpg
 
 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Tagged with:
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Set your Twitter account name in your settings to use the TwitterBar Section.