C’era un vento fresco

C’era un vento fresco.

Una volta, era un giorno d’estate di molti anni fa e non faceva nemmeno tanto caldo, Arturo mi ha detto che dovevo piantarla di dire boiate. A parte che quel periodo lì, me lo ricordo molto bene, erano giorni che c’era un vento fresco che soffiava forte e mi scompigliava i pensieri, conducevo una vita solitaria e me ne stavo in silenzio, per i fatti miei, non parlavo con nessuno e se qualcuno cercava di attaccare bottone io gli facevo un gesto così con la mano, come per mandarlo a quel paese. A parte questo, che già avevo un bel daffare a risolvere gli enigmi della mia esistenza, mi ricordo di aver pensato che non ero un boia e quindi non potevo certo dire boiate. Mi avesse detto che dovevo piantarla di dire coglionate, sarebbe stato un altro paio di maniche.
 
 
buster

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

UA-77195409-1