Donne, uomini e cani

Donne, uomini e cani.

L’ho intravista l’altra mattina in quartiere, una donna sulla settantina, minuta e dall’aspetto elegante, indossava degli occhiali da sole e i capelli erano raccolti. Ha attraversato le strisce pedonali e si è avvicinata a un ragazzo che teneva al guinzaglio un cagnolino bianco e nero. La donna, con gentilezza estrema, ha indicato il cane e ha detto “Proprio un bel cane. Mi scusi, come si chiama?”. Poi si è allontanata senza nemmeno attendere la risposta del ragazzo. Ha percorso una decina di metri e si è avvicinata a un tizio in sandali, bermuda e canotteria rossa, aveva la pancia prominente e le braccia pelose e teneva al guinzaglio un barboncino. Lei, sempre con gentilezza estrema, ha indicato il cane e ha detto “Ma che bel cane! Mi scusi, come si chiama?”. Poi si è allontanata senza nemmeno attendere la risposta dell’uomo. Ha attraversato nuovamente le strisce pedonali e ha accelerato il passo puntando dritta verso una donna coi leggins neri che teneva al guinzaglio un chihuahua color crema.







Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.