• Home
  • /
  • Tag Archives:  agosto

Modernità per canaglie

Modernità per canaglie. Clic. Clic. Clic, clic, clic. Clic. Clic. Cl-ic. Clic, clic, clic. Clic. Clic-clic. Cl-cl-cl-ic.  

Senza una canzone (4)

Senza una canzone (4). Era il sedici agosto, o forse il diciassette, e avevo quindici anni. Mi trovavo in vacanza al mare. Ero un ragazzino smilzo, una specie di selvaggio con la pelle bruciata dal sole e lo sguardo candido e incantato che hanno tutti i quindicenni che sognano di diventare musicisti. L’estate scorreva pigra, calda…

Il quadro dell’allarme

Il quadro dell’allarme. Quando ha detto “Qui c’è qualcosa che non torna”, ho pensato che forse non torna proprio perché voleva andarsene.  

Io no #38

Io no #38. Faceva un gesto con la mano e diceva “da così a così”. Io no.  

Cani che fumano la pipa

Cani che fumano la pipa. Mi sembra di aver sognato un sogno che la città era molto cambiata e c’era questo supermercato avveniristico con tantissime luci accese anche di giorno e stavo per entrarci quando all’ingresso ho incrociato Dante, lui era vestito proprio da Dante, con la corona d’alloro e tutto il resto, che teneva…

Diottrie

Diottrie. Cagliari, autobus, linea 1. – E quando l’hai fatta l’operazione agli occhi? – Due anni fa. No ci biemmu nudda. – E adesso? – Dieci decimi, oh fro’! – E aundi d’as fatta s’operazioni? – San Salvatore. – Eh, già lo conosco, è anche il mio oculista.  

Acqua e sale

Acqua e sale. Cagliari, autobus, linea 1. Dialogo tra due donne. – E il piede? Guarito? – Mabba’, è ancora tutto gonfio. – E il medico? – Mi ha detto di tenerlo a mollo in acqua e sale. – Inza’ vattene al Poetto e vedi come guarisce. – Al Poetto? No, no, puzzidda! – Eh?…

Di vino e d’altro ancora

Di vino e d’altro ancora. La prima volta che mi sono ubriacato, gonfio di birra e ardore adolescenziale, mi sono ubriacato per una delusione d’amore. Mi sono ubriacato prima di una delusione d’amore, però, non dopo. Ma è una storia lunga, che ho già raccontato, peraltro. Quella volta che mi sono ubriacato col vino, invece,…

Senza una canzone (3)

Senza una canzone (3). Era il sedici agosto, o forse il diciassette, e avevo quindici anni. Mi trovavo in vacanza al mare con i miei parenti. Ero un ragazzino smilzo, una specie di selvaggio romantico con la pelle bruciata dal sole e lo sguardo candido che hanno tutti i quindicenni che sognano di diventare una…