Il concetto di verità

Il concetto di verità.

Un incontro casuale per strada.

– Ciao.
– Ciao.
– Ti trovo bene.
– …
– Sul serio. Ti trovo bene.
– Mi trovi? Che cos’è, mi cercavi? Sono per caso un paio di scarpe? “Guarda un po’, ho trovato gli stivali che volevo”. O mi hai preso per un libro? “Ecco, ho trovato il romanzo che mi ha consigliato tizio”.
– Ma…
– Sono forse una poltrona di seconda classe? “Guarda, ho trovato un posto libero!”. Un oggetto smarrito? “Accidenti, non trovo gli occhiali!”. Un meccanico? “Che fortuna, ne ho trovato uno bravo!”.
– Ma…
– O mi hai scambiato per un’occupazione? “Che gioia, ho trovato lavoro!”. O secondo te sono soltanto la soluzione di un problema? “Risolto: ho trovato l’area del rettangolo”.
– …
– Non solo mi hai trovato, ma mi hai trovato “bene”.
– Infatti, volevo semplicemente dire che…
– Bene in che senso? Sono giusto? Conveniente? Opportuno? Esatto? Poco? Molto?
– No, è che…
– Di ambiente aristocratico? Di buona famiglia? Proprio “bene”? E perché non benino? Benuccio? Benone?
– …
– …
– Oh, comunque mi ha fatto piacere.
– Anche a me.
– Ciao.
– Ciao.





Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

UA-77195409-1