• Home
  • /
  • Tag Archives:  dicembre

L’alfabeto di Marcel Proust

L’alfabeto di Marcel Proust. Mi ricordo la sera, più o meno era l’ora di cena, in cui Ottavia si è svegliata e ha iniziato a urlare. Nessuno però ci ha fatto caso. Le capitava di tanto in tanto, di mettersi a urlare all’improvviso, forse per via di un problema all’orecchio che si trascinava da mesi….

La pressione

La pressione. I due, sulla quarantina, sono appena saliti sull’1 alla fermata di via Roma. Indossano giubbotti pesanti su pance molto prominenti. Uno dei due estrae il telefono, schiaccia un tasto e parte un messaggio in vivavoce a tutto volume. Il timbro è maschile, l’accento marcato.– E inza’, bruttu caghineri, la pressione come va? Dai…

Giorno 5

Giorno 5. Il giorno 5 sto qui a rimuginare su un film che ho visto il giorno 4, il titolo del film è “11 Minuti” e il regista è Jerzy Yurek Skolimowski. Mi è sembrato un film molto bello. Non sono sicuro di aver capito proprio tutto, del film. Ma va bene. Non è necessario…

Giorno 4

Giorno 4. Il giorno 4 è il tic tac di una partita di tennis. Tic. Mezzo pallonetto. Toc. Un dritto schiaffeggiato. Tac. Un rovescio a due mani. Toc. Un dritto liftato. Tic. Un rovescio morbido. Toc. Un dritto lungolinea. Tic. Toc. Tac. Toc. Tic. Tac. Un colpo arricciato. Schloff. La pallina colpisce la rete. Cambio…

Giorno 3

Giorno 3. Nella notte tra il giorno 2 e il giorno 3, una notte che il tempo si curva nell’andirivieni di vecchi orologi, appare l’ex presidente degli Stati Uniti d’America, Barack Obama. Obama smangiucchia un gelato alla crema e parla seduto in un angolo, una sorta di pagliericcio, mentre in lontananza un gruppo di donne…

Giorno 2

Giorno 2. Il giorno 2 potrebbe non essere il giorno 2. Anzi, potrebbe essere il giorno 3. Nel caso, occorrerebbe retrodatare o postdatare tutti gli avvenimenti. Pertanto, se oggi è il giorno 2, ieri era il giorno 1, ammesso che proprio ieri non fosse il giorno 2. Risulta evidente, per altro, che se ieri era…

L’una di fronte all’altra

L’una di fronte all’altra. “Un giorno, quando avrò una casa con una grande stanza dalle pareti nude, voglio comporre un’immensa tabella o grafico che illustri meglio di qualsiasi libro la storia dei miei amici, e un’altra che racconti la storia dei libri della mia vita. Una per parete, l’una di fronte all’altra, che si integrino…

Giornate pesanti

Giornate pesanti. E Abramo si svegliò in piena notte e disse al suo unico figlio, Isacco: «Ho avuto un sogno dove la voce del Signore mi diceva che devo sacrificare il mio unico figlio e quindi mettiti i pantaloni». E Isacco tremò e disse: «E tu cosa Gli hai risposto? Voglio dire, quando Lui ha…

Il corso del pensiero

Il corso del pensiero. “Tutte le condizioni erano riunite adesso, mi sembrava, per pensare. Qualche minuto prima, sul marciapiede della stazione marittima, mi ero soffermato a guardare la pioggia che cadeva attraverso il fascio luminoso di un riflettore, in quello spazio molto preciso delimitato dalla luce, chiuso eppure sprovvisto di confini materiali quanto il tremolio…

12345