Ho sbagliato

Ho sbagliato.

Squilla il telefono di casa.
– Pronto.
Mi risponde una voce femminile leggermente alterata.
– C’è tuo padre?
– Chi parla?
– C’è tuo padre?
– E chi sarebbe mio padre?
– Ah, scusi, ho sbagliato.
Clic.

Un attimo dopo mi sono pentito di aver messo giù. Ho pensato che forse potevo far finta di essere mio padre e sentire che cosa aveva da dirmi la tizia al telefono. Che secondo me qualche storia interessante da raccontare ce l’aveva.

 

 

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.