I semi della conoscenza

I semi della conoscenza.

Questa mattina, ero già sveglio da un po’, sono andato in cucina e prima di fare colazione ho bevuto due bicchieri d’acqua. Mi sono affacciato alla finestra e ho guardato il cielo, l’aria era tersa, non c’era neanche una nuvola. Poi ho guardato gli alberi ancora spogli e un gabbiano che volteggiava. Anzi, due gabbiani che volteggiavano. In lontananza si sentivano i rumori della strada, un cane che uggiolava. A un certo punto ho avuto un’illuminazione. Il tutto è durato non più di un paio di secondi. Due secondi di comprensione della conoscenza e della realtà, un momento di consapevolezza estrema e totalizzante. Quando l’ho detto a Arturo, che nel frattempo stava addentando un panino farcito con acciughe e melanzane, lui ha sollevato il sopracciglio sinistro e ha iniziato a masticare molto lentamente. Proprio così: un’illuminazione, gli ho detto. E devo averglielo detto con un’espressione quasi sognante perché Arturo si è subito avvicinato, mi ha dato una pacca sulla spalla e, dopo aver deglutito, mi ha ruttato in faccia.







Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.