Lo sguardo nudo e la poesia

Lo sguardo nudo e la poesia.

Domani parteciperò al Festival di Poesia “Lo sguardo nudo – condominio poesia”. A partire dalle 19 allo spazio Isolateatro di Quartu, in via Danimarca 4.
Si tratta di un evento eccezionale. Soprattutto per me, che non sono un poeta. Quindi, domanda lecita: che cosa ci fa un non poeta in un festival di poesia?
Non lo so. Dovrebbe rispondere l’organizzatore del Festival, Gaetano Marino. Io so soltanto che essendo un non poeta, reciterò delle non poesie. E le reciterò non recitando. Sarò un non poeta che non recita le sue non poesie.
A ogni modo, al Festival ci saranno anche i veri poeti. Per cui penso che ne valga davvero la pena.

Condominio poesia è un modo come tanti per mettere insieme e condividere in una moltitudine eterogenea di artisti, la forma poesia e i suoi epigoni. Son 27 i poeti convenuti al festival, diversi linguaggi che si svilupperanno attorno alla poetica di un testo. Una poesia da guardare e ascoltare e forse, chissà, anche da gustare. Sarà questo il tema principe del primo festival aperto della poesia organizzato dallo Spazio Isolateatro di Quartu Sant’Elena. Un luogo di cultura che negli anni novanta portò nel quartiere di Pitz’e Serra i più importanti artisti della scena internazionale e locale, con una programmazione di teatro, musica e cinema. Oggi è stato rispolverato da Gaetano Marino e preso in autogestione dall’associazione Aula39 di Cagliari. 

Un giardino pieno di sterpaglie, di 15 anni di abbandono e polvere, Isolateatro. Dopo avergli fatto festa grande con il mito, Iliade/Omero, ora servirà humus, perché ritorni al suo mare, ai campi di sole: parole alate o spezzate, sogni e fantasmi, illusione d’artifizio, idee, forza vitale, creatività e rabbia iconoclasta, insonnia.

Poesia, innanzitutto.

La prima forma dell’invisibile che si fa visibile nel non darsi logica o corpo di un linguaggio formale, perché ogni forma è la morte, quella che non rinasce. Poesia, dunque, per sentirsi vivi.

Domenica 25 maggio 2014, dalle ore 19 partirà “Lo sguardo nudo, condominio poesia”. Ingresso libero. 

Precisiamo che non ci saranno contributi pubblici a sostenere le iniziative dello Spazio Isolateatro, ma solo le offerte e i contributi associativi del pubblico ci diranno se meritiamo o no di continuare ad esistere. Insomma un buon teatro e un buon festival a chilometro zero e come diciamo sempre, se son spine fioriranno!

Ecco intanto la prima squadra dei Poeti:
Giulio Angioni, Francesco Artus, Ignazio Salvatore Basile, Giorgio Binnella, Maria Luisa Businco, Carta Giuseppe, Silvia Corda, Silvana Cossu, Vittorio Cravotta, Ilenia Cugis, Mirko Filippi, Cesare Giombetti, Cristina Guggeri, Marina Marikò, Gaetano Marino, Savina Dolores Massa, Pier Paolo Murgia, Patrizia Mureddu, Carlo Onnis, Angelica Piras, Carmen Salis, Giovanni Sanna, Salvatore Sardu, Cristiana Sarritzu, Giuseppa Sicura, Monica Tronci, Gianni Zanata.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.