• Home
  • /
  • Tag Archives:  cose

Diciamoglielo

Diciamoglielo. Quando tira un po’ di vento, il posacenere serve a ben poco. La cenere vola via, si sparge dappertutto, si posa ovunque tranne che sul posacenere, appena tira un po’ di vento. Sarebbe più opportuno chiamarlo posacicche, perché le cicche, una volta che le posi, non volano via, nemmeno se tira un po’ di vento….

Prima o poi

Prima o poi. Ascolto le persone che parlano tra loro per strada e a volte mi stupisco di come parlino di un sacco di cose su un sacco di cose, e mi verrebbe voglia di sapere se queste persone che parlano di un sacco di cose su un sacco di cose sanno davvero un sacco…

Cose che ho pensato (quaranta)

Cose che ho pensato (quaranta). 217. Una volta ho pensato di fare il conto delle olive che ho mangiato in tutta la mia vita. E anche di quante pizze. E di quanti biscotti. E di quante fragole. E di quante uova. Quando l’ho detto a Arturo, a momenti gli andava di traverso il caffè.  

Mi sfuggono

Mi sfuggono. Mi sfuggono due o tre cose. Anche quattro. Forse cinque. Non è detto che siano sei. O sette. E se fossero otto? Magari nove. Non più di dieci, però. Undici al massimo. Dodici esagerando. Tredici va’. Potrei arrivare a quattordici. A quel punto non mi sorprenderei se fossero perfino quindici. Mi sfuggono parecchie…

A fine giornata

A fine giornata. Nel telefonino ho il contapassi, l’ho scoperto di recente. Credo di avere anche il contabattiti, o una cosa del genere. C’è gente che fa sport, li vedo con delle robe strane ai polsi, infilate nei pantaloncini o dentro la maglietta, mi sembrano anche quelli dei contapassi e dei contabattiti. Allora mi sono chiesto…

Ho visto

Ho visto. Ho visto. Ho visto cose. Ho visto cose che. Ho visto cose che adesso non mi ricordo se le ho viste davvero. Magari non le ho viste. E allora niente. Magari le vedrò un altro giorno.  

Parola sorda

Parola sorda. Ieri, mentre ragionavo sul fatto che l’altro giorno era la giornata mondiale della poesia, mi è venuto da pensare che la poesia non è soltanto una parola muta che ti parla ma è anche una parola sorda che non ti ascolta. Che detta così sembra anche una cosa intelligente, invece secondo me non…

Cose ridicole

Cose ridicole. Questa mattina stavo per uscire di casa e a un certo punto mi sono reso conto che indossavo due giacche. Ci ho messo un po’ a rendermene conto. C’era da ridere ma non mi è venuto da ridere. Mi sono guardato allo specchio. Due giacche. Era una cosa ridicola ma non c’era proprio…