• Home
  • /
  • Tag Archives:  otto

Forse anche otto

Forse anche otto. Sette volte su dieci, forse anche otto, mi sembra di aver torto. Poi, quando succede che ho ragione, ce ne fosse uno che mi dicesse “Oh, ma lo sai che hai ragione”.

Carteggi (8)

Carteggi (8). Ciao, è ferragosto. Lo so che lo sai, ma non importa. Ti scrivo perché ho appena scoperto che la parola parallelepipedo è composta da quindici lettere e sette sillabe. Lo so che lo sai, ma non importa. Una volta a ferragosto ho mangiato un gran numero di polli arrosto, sei o sette, e…

Senza titolo #8

Senza titolo #8. Vento Tanto vento Tanto di quel vento che Insieme ai vasi Si è portato via Pure la testa mia. Ah, l’acefalia.  

Natale (8)

Natale (8). Ieri gironzolavo in città e mi è venuta voglia di mangiare una pizzetta al taglio. A Cagliari vendono pizzette al taglio molto buone. Non sempre, ma in genere sono molto buone. Una volta c’era un posto che si chiamava Pizza 74, in via Dante. Ora non c’è più. La pizzetta era buona, anche…

Sono aperte le iscrizioni

Sono aperte le iscrizioni. Dopo aver letto un aforisma sulla scrittura scritto da uno scrittore sudamericano che penso abbia venduto milioni di copie di libri, mi è venuto in mente di organizzare un incontro di scrittura, un corso di abbondanza creativa, della durata di un paio di giorni per un paio di settimane per un…

Mi sfuggono

Mi sfuggono. Mi sfuggono due o tre cose. Anche quattro. Forse cinque. Non è detto che siano sei. O sette. E se fossero otto? Magari nove. Non più di dieci, però. Undici al massimo. Dodici esagerando. Tredici va’. Potrei arrivare a quattordici. A quel punto non mi sorprenderei se fossero perfino quindici. Mi sfuggono parecchie…

Traslocare #8

Traslocare #8. Traslocare significa dover sbrigare un sacco di pratiche e fare la fila negli uffici pubblici. Questa mattina una vecchietta ha cercato di saltare la coda umana e si è infilata di traverso sostenendo che lei comunque c’era da prima e si era spostata un attimo per telefonare. La coda umana, in considerazione del…

I segreti dell’umanità

I segreti dell’umanità. Era mattina e mi sembra di ricordare che in casa non ci fosse nessuno, a parte me. Avevo otto o nove anni e mancava poco a Natale. Sono entrato in camera dei miei genitori, ho aperto l’armadio e mi ci sono infilato. Era uno dei miei giochi preferiti, mi piaceva nascondermi dentro l’armadio,…

Da uno a dieci

Da uno a dieci. Oggi, da quando mi sono alzato fino alle due ore e mezza successive, non ho detto nulla, proprio non ho aperto bocca. Mi sembra di aver detto qualcosa appena salito sull’autobus, secondo me devo aver detto Buongiorno, rivolto all’autista, che comunque non mi ha risposto, credo, forse non mi ha nemmeno…

12