Essere pronti

Essere pronti.

Cagliari, mattina, interno bar.
Lei, dietro il bancone, armeggia con lo strofinaccio, sistema tazzine, piattini e cucchiaini. Lui, corporatura massiccia e occhiali a specchio, è seduto al tavolino, legge il giornale, sorseggia un caffè e commenta le notizie.
– C’è molto spagheggio? – dice lei.
– Eh. Scrivono che è sbarcato anche qui. Emmo’ sono cazzi.
– Cugurra.
– Io non ho paura.
Al che solleva le braccia, butta lo sguardo al soffitto ed esclama: – Gesugristu! Chi mi olis pigài sono pronto. Seu innoi!
– Eia – dice lei – prima però sciacuarì beni beni is manus.  







Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.