In cagnesco

In cagnesco.

L’altro giorno tirava vento. All’inizio non sembrava forte, poi ha rinforzato. E mentre rinforzava mi è sembrato che la gente mi guardasse un po’ in cagnesco. Infatti a un certo punto mi si è avvicinato questo tizio dalla faccia cagnesca e mi ha detto “Ma non la sente questa corrente? Ci sono porte che stanno sbattendo, tende che stanno sventolando. Cosa crede? La gente si innervosisce. Ogni tanto potreste anche chiuderle queste cazzo di finestre, no?”.








Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.