• Home
  • /
  • Tag Archives:  guardare

Senza parole

Senza parole. Nei giorni scorsi, io e Marcel Proust, il cane di Arturo, siamo stati ore e ore a guardare la tv e ad ascoltare le notizie sulla crisi istituzionale e tutto il resto, i colpi di scena si susseguivano e c’era da restare senza parole. Anche Marcel Proust, che di solito non perde mai…

Turarsi il naso

Turarsi il naso. Credo di aver starnutito già una ventina di volte. Etciù! Etciù! Etciù! Etciù! Etciù! Etciù! Etciù! Etciù! Etciù! Etciù! Etciù! Etciù! Etciù! Etciù! Etciù! Etciù! Etciù! Etciù! Etciù! Etciù!  Poi mi è venuto in mente che un illustratore inglese che si chiama James Chapman ha pubblicato un paio di libri nei quali…

Il resto

Il resto. – Dobbiamo guardare in faccia la realtà. – Proprio in faccia? – Poi penseremo al resto.  

Amore di mamma

Amore di mamma. Questo pomeriggio per strada ho incrociato una donna che mi sembrava agitata, si guardava intorno come se stesse cercando qualcuno o qualcosa. Poi ha detto a voce alta “Yuri? Yuri dove sei?” e rivolta a me ha detto “Per caso ha visto Yuri?”. Mi sono immaginato un marmocchio biondo e vispo nascosto chissà…

Un album

Un album. Volevo fotografare chi fotografava la festa, chi guardava la festa, chi c’era alla festa. Tanto di foto della festa mi sa che in giro ce ne sono abbastanza. Insomma, un album (clicca).

A furia

A furia. A furia di fare troppi ragionamenti mi sembra di avere iniziato a sragionare. Che magari non è una cosa preoccupante. Un po’ come guardare in faccia l’infattibile.  

Qualcosa che non ero sicuro di

Qualcosa che non ero sicuro di. Poco fa in cucina c’era una mela che mi guardava. Al che le ho detto: Cara mela, adesso ti mangio. Aveva una buccia così, un po’ malandata, perciò l’ho lavata. Sono rimasto un paio di minuti a lavare la mela sotto l’acqua corrente, poi mi sono detto: Mi sa…

Come stare zitti

Come stare zitti. Questa mattina camminavo e contavo i passi e lungo strada ho incrociato una donna con un cane di piccola taglia che stava abbaiando contro un altro cane affacciato a una finestra. La donna gli diceva “Zitto! Ti ho detto di stare zitto!”. Il cane nulla, tirava il guinzaglio e abbaiava mentre la…

Nel cielo nerissimo

Nel cielo nerissimo. L’altra notte sono uscito in balcone a fumare e mi sono messo a guardare le stelle. Nel cielo nerissimo luccicavano le tre stelle della Cintura di Orione. Sono rimasto a guardarle per un po’, mi sembravano le più luccicanti tra tutte le altre intorno. Mi sono chiesto quanto fossero lontane e a che velocità…

Da dietro i vetri

Da dietro i vetri. Questa mattina mi sono affacciato al balcone e mentre seguivo con lo sguardo il volo di una cornacchia mi è sembrato di vedere il presidente della Repubblica che mi guardava da dietro i vetri di una finestra, all’ultimo piano del palazzo di fronte. Mi sono un po’ preoccupato, sulla terrazza all’ultimo…

12