• Home
  • /
  • Tag Archives:  quaderni

Quaderni del coprifuoco (30)

Quaderni del coprifuoco (30). Guardo Diamantina, dorme sul lettone. I suoi riccioli rossi sono sparsi sul cuscino. Vista così, ha l’aria di una ragazzina. Ma non lo è. Prima ha borbottato qualcosa nel sonno. Poi ha fatto un respiro profondo e si è rigirata nelle coperte. Sento una punta d’ansia. Forse è solo malinconia, penso. Mi…

Quaderni del coprifuoco (29)

Quaderni del coprifuoco (29). Questa mattina ho aperto la finestra di cucina e credo che la maniglia mi abbia detto qualcosa, non ho capito bene cosa. Le ho risposto che la mattina presto non ho voglia di fare conversazione. Ed è finita lì.

Quaderni del coprifuoco (28)

Quaderni del coprifuoco (28). Immunologi da pensilina. Alla fermata dell’autobus due tizi sulla sessantina discutono animatamente. I ragionamenti, divergenti ma sostenuti con forza da entrambe le parti, vertono su percentuali, algoritmi e indici di contagio. A un certo punto il più smilzo dice: – Ascu’, cittirì che ti hanno anche craccato tre volte ai giometri!…

Quaderni del coprifuoco (27)

Quaderni del coprifuoco (27). L’altra notte c’è stato un terremoto al largo dell’Algeria. Pare che sia stato avvertito anche in Sardegna. Pare.Secondo me:a) se all’ora della scossa dormivi, non hai sentito niente: inutile millantareb) se dormivi e ti sei svegliato di soprassalto, è arrivato il momento di trovare un rimedio contro le apnee notturnec) se…

Quaderni del coprifuoco (12)

Quaderni del coprifuoco (12). Ieri mattina ho cercato di spiegare a Marcel Proust chi fosse Paolo Rossi e perché avesse vinto il pallone d’oro nel millenovecentottantadue, quell’anno lì tra i primi diciannove c’erano sei calciatori italiani, e all’epoca desideravo avere i capelli come quelli di Rummenigge e infatti me li pettinavo tirandoli indietro, ma indietro…

Quaderni del coprifuoco (11)

Quaderni del coprifuoco (11). C’è stato un periodo della preadolescenza che i ragazzini più grandi ti insegnavano tutto, anche i giochi di parole. Per dire, arrivava uno e ti diceva di ripetere velocemente, più volte, la frase “Mia sorella ha una gamba grassa”. E tu imparavi, e poi insegnavi. Poi arrivava un altro e la…

Quaderni del coprifuoco (10)

Quaderni del coprifuoco (10). Quando mi è stato proposto di nascere a Cagliari non ho avuto esitazioni, ho accettato con entusiasmo perché ritenevo che fosse una piazza importante e potesse contribuire alla mia crescita. Infatti da quando sono nato, qui a Cagliari, non ho fatto altro che crescere. La città è fantastica, ho avuto un…

Quaderni del coprifuoco (9)

Quaderni del coprifuoco (9). Ieri, dopocena, mentre Arturo sparecchiava e Marcel Proust sonnecchiava davanti al televisore spento, mi è venuta in mente quella volta che avevamo deciso di acquistare un casolare, una specie di fattoria da ristrutturare, con decine di ettari di terreno, alberi da frutto, eccetera. Ci sembrava una buona idea, lasciare la città…

Quaderni del coprifuoco (8)

Quaderni del coprifuoco (8). L’altra mattina abbiamo preso l’auto e siamo andati fuori città, a casa di un amico di Arturo. È un tipo sulla sessantina, si chiama Pino. Fa il giardiniere ed è fidanzato con un ragazzo che ha conosciuto in Cile.Se occorre, lui, il giardiniere, sa sempre come farci avere della frutta e…

Quaderni del coprifuoco (7)

Quaderni del coprifuoco (7). C’è stato un periodo che prendevo appunti su dei fogli sparsi, vi annotavo la lista della spesa, il numero degli oggetti che tenevo sulla scrivania, il totale delle monete che avevo in tasca, gli appuntamenti settimanali, qualche frase estrapolata dagli articoli sui giornali, le credenziali di accesso alla posta elettronica o…

12
UA-77195409-1