E allora bevo

E allora bevo.

Dint’ ‘a butteglia
n’atu rito ‘e vino
è rimasto…
Embè
che fa m’ ‘o guardo?
M’ ‘o tengo a mente
e dico:
“Me l’astipo
e dimane m’ ‘o bevo?”
Dimane nun esiste.
E ‘o juorno prima
siccome se n’è gghiuto,
manco esiste.
Esiste sulamente
stu momento
‘e chisto rito ‘e vino int’ ‘a butteglia.
E che faccio,
m’ ‘o pperdo?
Che ne parlammo a ffà!
Si m’ ‘o perdesse
manc’ ‘a butteglia me perdunarrìa.
E allora bevo…
E chistu surz’ ‘e vino
vence ‘a partita cu l’eternità!  

(Eduardo De Filippo, 1973)








4 Comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.